L’ATTENZIONE CONSAPEVOLE , LA
CREAZIONE DELLA REALTA’ E LA
MEDITAZIONE

Tutti noi esercitiamo un’influenza sul mondo materiale attraverso
i nostri pensieri: sì, lo so, lo avrai sentito dire un milione di volte, 
come me.

Ma nessuno te lo sta per spiegare come farò io tra qualche istante. E non te lo dico perché me la tiro, ma semplicemente perché ognuno ha un modo tutto suo di dire e spiegare le cose perché ne ha fatto
esperienza in un modo unico.

In fisica quantistica si dice che l’energia fluisce laddove l’osservatore pone l’attenzione. Va da sé che più questa attenzione è concentrata, precisa, decisa, maggiore sarà l’afflusso di energia che scorrerà in quel determinato punto.

Ma andiamo per gradi.

Una delle cose più importanti, se vuoi portare un qualsiasi cambiamento nella tua vita, è essere consapevole di ciò che accade dentro e fuori di te. Perché? Perché quando sei consapevole, quando sai come funzioni...sei un passo avanti!. È più semplice prendere decisioni e agire di conseguenza.

Nell’introdurti al Rituale per il benessere in tre passi, desidero darti anche qualche contenuto teorico, proprio per poter essere consapevole di quello che andrai a fare.

Sai cos’è un atomo? È la più piccola particella di un elemento, che non subisce alterazioni nelle trasformazioni chimiche, ma che può subire trasformazioni quali l’eccitazione, la disgregazione, la
fissazione, ecc.

La raffigurazione classica di un atomo è questa:
atomo-1.jpg
In questa immagine viene posta molta attenzione all’aspetto materiale dell’atomo. In realtà un atomo è composto al 99,99999% di energia. Soltanto lo 0,00001% è materia.
In fisica quantistica l’atomo viene rappresentato in questo modo:
nube.jpg
Ma effettivamente un atomo è così (no, non è vuota l'immagine):
Anonimo.jpg
La raffigurazione realistica di un atomo è questa: non è nulla al livello di materia tutto a livello di potenza.

Nonostante questo, tu, io, la maggior parte delle persone, rivolge l’attenzione quasi unicamente a quello 0,00001% di materia: non è così?

Anche noi siamo fatti di atomi. Le percentuali non cambiano: questo significa che siamo fatti praticamente di nulla. Oppure, in altri termini, quel tutto che siamo abituati a considerare tale, è solo la piccola punta emersa di un immenso iceberg.

 Il più grosso limite che tu possa porti è proprio quello di definire la tua realtà basandoti solo ed esclusivamente sui tuoi sensi.
Praticamente dire che sei (solo) la piccola punta di un iceberg che esce fuori dall’oceano.

Ciò che faremo insieme in questo Rituale per il Benessere in tre passi è proprio imparare a concepire se stessi e il mondo in modo diverso, attraverso semplici pratiche.

Come puoi pretendere che qualcosa muti nella tua esistenza, verso la direzione che desideri, se continui a fare e a essere ciò che sei sempre stato/a?

Se sei qui con me, probabilmente la realtà che stai vivendo non ti soddisfa. Beh, sappi che puoi crearne una nuova, tutte le volte che lo desideri. Puoi farlo tu da solo. Non hai bisogno di nulla se non della tua totale e vigile presenza.

Ascoltami bene adesso.

Se tu avessi le prove schiaccianti che i pensieri che fai in ogni momento, producono effetti tangibili nella tua vita, non cercheresti con tutta la forza che hai, di allontanare quei pensieri che mai vorresti tradurre in realtà?

Non sceglieresti di concentrarti piuttosto su ciò che vuoi, invece di trastullarti in modo masochista con i tuoi problemi?

Dimmelo sinceramente: se non avessi il minimo dubbio a proposito della tua totale responsabilità riguardo la creazione del tuo destino, lasceresti passare un solo giorno senza contribuire a renderlo ancora più luminoso?

PER CAMBIARE LA TUA VITA È NECESSARIO CHE MUTI L’IDEA CHE HAI DI REALTA’.

Finché non apporti questa modifica le cose continueranno a cambiare… ma in modo casuale e non sempre a tuo favore.

Prima di procedere nella lettura guarda e ascolta questo video:
Allora pensa a questo: se con la tua mente puoi influenzare l’aspetto di un elettrone, puoi farlo con qualsiasi altra situazione, non credi?
Qualsiasi cosa tu riesca ad immaginare nella tua vita, esiste già potenzialmente nel campo quantistico e aspetta…un osservatore vigile e presente. Potresti essere tu, che ne dici? ;)
L’energia è la materia prima, l’argilla che puoi plasmare attraverso una mente consapevole. Tutta la materia è fatta di energia. È per questo che puoi influenzare la realtà: perché tu stesso sei energia consapevole.
Questa lunga premessa per poter venire al cuore di questo Primo Rituale per il benessere che è la meditazione.
Meditazione deriva dal latino “meditatio” e significa riflessione.
Mi viene immediatamente in mente uno specchio e il suo mestiere: riflettere un’immagine, riprodurla per poterla osservare.
Esistono diverse forme di meditazione, alcune legate a filosofie e religioni.
Si parla di stato meditativo anche quando si raggiunge un particolare stato di coscienza attraverso lo straniamento dalla propria fisicità.
Lo scopo del meditare è di raggiungere la quiete interiore, passando per concentrazione e consapevolezza.
Tale quiete raggiunta permette di accedere al tuo massimo potenziale e poter dunque plasmare la materia prima di cui parlavamo sopra: l’energia.
Alcune tecniche meditative prevedono la focalizzazione e la concentrazione prolungata su un oggetto, un suono oppure stati di consapevolezza prolungata sul proprio corpo o parti di esso.
Quali sono i benefici che scaturiscono dalla pratica della meditazione?
Sono numerosi gli studi e le pubblicazioni scientifiche che illustrano e dimostrano i benefici effetti della meditazione.
Il Dr. James Austen, neuropsicologo dell’Università del Colorado, grazie all’utilizzo della risonanza magnetica ha notato come la meditazione modifichi le connessioni nervose del cervello (questi studi sono raccolti in Zen and the brain del 1999).
Altri studi dimostrano come la pratica costante della meditazione attenui la depressione e rinforzi le difese immunitarie, oltre a ridurre i livelli di cortisolo, responsabile dello stress.
Dunque, cominciare a meditare – se già non lo fai – e farlo in modo costante e continuativo, esattamente come fosse una delle abitudini per il tuo benessere alle quali non rinunceresti mai, può aiutarti a portare nella tua vita una serie di benefici, come per esempio:
  • Un controllo e una stabilità interiore che ti portano a ridimensionare le emozioni negative, quali rabbia, ansia, depressione e fatica.
  • Un più alto livello di energia fisica
  • No stress
  • L’equilibrio interiore si rispecchia nella qualità delle tue relazioni
  • Benessere in senso lato.
     
Con questi passi del Rituale per il tuo Benessere voglio donarti un’immediata possibilità di mettere in pratica ciò di cui ti parlo.
È per questo che tra poco potrai ascoltare l’audio di una meditazione guidata da me, molto semplice, con la quale puoi cominciare ad esercitarti quotidianamente in questa pratica.
Contrariamente a quanto si possa credere, tutti possono meditare e le accortezze da seguire sono davvero alla portata di chiunque.
Alcune raccomandazioni.
  • scegli un luogo tranquillo dove nessuno possa disturbarti per il tempo della tua pratica. Sceglilo ben areato, con almeno una finestra.
  • Se ti può essere di ispirazione, scegli di sistemare nel luogo dove intendi meditare, un oggetto a te caro, come un’immagine sacra, la foto di un tuo maestro o un libro oppure una statuetta.
  • Se vuoi, accendi delle candele e brucia degli incensi: questo ti aiuterà a rendere l’ambiente più gradevole, intimo e rilassante. Non esagerare però con le profumazioni perché potresti saturare l’ambiente e ottenere un fastidioso effetto contrario.
  • Scegli una posizione comoda per meditare: che sia la classica posizione del loto o seduta su una sedia o sul letto, l’importante è che tu riesca a mantenere la posizione per tutta la durata della meditazione. Usa cuscini, sgabelli, tappeti. Ti consiglio di evitare la posizione da sdraiati perché è molto facile che tu possa addormentarti. Fai in modo che la schiena sia sempre eretta, ma non rigida. Mantieni sempre il corpo rilassato in modo che l’energia possa fluire agevolmente. Mantieni il mento perpendicolare alla colonna vertebrale. Non sottovalutare questo aspetto importante: prenditi il giusto tempo per valutare la posizione da assumere.
  • Indossa abiti comodi, in tessuti naturali, che non costringano i movimenti e la respirazione e non fascino eccessivamente.
  • Non indossare gioielli e pietre preziose. Togliti gli occhiali, se li porti. Tieni lontano (e spento) il cellulare.
  • Tieni a portata di mano un plaid o una sciarpa nel caso in cui tu senta freddo.
  • Prima di cominciare ricordati di appoggiare la lingua al palato in modo da collegare il Meridiano Anteriore e quello Posteriore: questa semplice accortezza migliorerà gli effetti della meditazione e aumenterà la tua energia.
  • Prima di cominciare la meditazione fai qualche semplice esercizio di stretching, partendo dal collo.
     
N.B. Le indicazioni che ti ho elencate sopra sono orientative. Questo significa che se senti la necessità di appoggiare la schiena sullo schienale, oppure non riesci bene a seguire la respirazione (inspirazione naso gonfiando addome-stop-espirazione bocca sgonfiando addome-stop) non ti preoccupare: segui il tuo sentire senza pensarci troppo.

Comincia facendo del tuo meglio: vedrai come, non arrendendoti, ogni volta riuscirai a curare sempre più i dettagli.
Si parte!
Ci leggiamo domani per il secondo passo del Rituale per il tuo benessere.
Rosalba